Dhalgren, Samuel R. Delany

dhalgren

Che dire di tal opera? forse il silenzio sarebbe piu` opportuno.

Ma tant`e`.

Delany crea una delle prose piu` belle e sconcertanti che si vedano in giro, ellittica, tagliente, serica.

E mette in campo delle situazioni e delle idee che ci suggeriscono qualcosa che sembra sempre sfuggirci. E` li`, lo vediamo con la coda dell`occhio ma quando mi giro non c`e` piu`. Una borsa bianca nel cielo terso. Un ricordo perso.

“Non e` che non ho un passato. Piuttosto, continua a frammentarsi sull`effimero vivido e terribile dell`ora.”

Leggetelo.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s