Assault Girls

Visto Assault Girls, il nuovo lavoro di Oshii Mamoru, butto giu` qualche sensazione a caldo (sgrammaticata e caotica, chi vuol esser lieto sia):

Oshii riesce ancora una volta a sorprendere, in un film ibrido, a meta` strada fra un lungometraggio ed un corto (70 minuti la durata) e un misto di riprese dal “vero” e CG…..

Il film e` monotono (Patlabor II), dove questo aggettivo e` ovviamente un complimento, qualcuno ha parlato di lentezza tarkowskiana ed ha fatto bene, in qualche modo circolare (Sky Crawlers) con fortissimi legami con Avalon , da cui prende  spunto ed avvio. Si colloca a perfezione nell`immaginario oshiiano , degna continuazione di quel piccolo capolavoro che e` il corto incluso in Kiru ~ KILL.

Cieli grigi, attesa, quasi un documentario con la fotografia curata magistralmente da Yuasa Hiroaki e la splendida musica di Kawai Kenji il film e` quindi una sperimentazione sul tempo, sul paesaggio e sul tempo che si estingue nel paesaggio…..

i primi dieci minuti sono girati alla Ogawa, parole e riflessioni politiche alla Patlabor su immagini fisse o semifisse…..

il film cede nei punti in cui prova a inserire l`elemento comico, mentre risalta bene il personaggio di Lucifero sbarazzino e scherzosamente futile. Altre parti potevano essere forse evitate (Game) e il personaggio del`uomo poteva essere un po` piu` austero.

Personalmente ho gradito il tocco di Yuasa nei primissimi piani da documentario della lumaca e degli insetti, la loro vividezza e` il simbolo di come la vita, quando liberata dai suoi lacci, si puo` manifestare anche nel simulacro…il colore e` davvero a tratti immaginale, quasi il novo Tamra…

a presto una vera e propria recensione

Advertisements

4 Comments

  1. io aspetto con estasi la visione di questo film… Oshi è il mio regista preferito, ed Avalon, come regia “dal vero”, mi è piaciuto abbastanza… vedremo questo nuovo lungometraggio… le immagini in rete sono na figata…

    a presto…
    …aspetto la tua recensione!!!

  2. sai, lungometraggio non lo e`, chi si aspettava un film alla Innocence o alla Sky Crawlers e` rimasto deluso..e` una cosa ibrida… quasi che Oshii abbia voluto, attraverso il cinema, sondare le potenzialita` estetiche dei videogame, indicare un percorso…..

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s